Il gregge

Curvilinear stylized logo based on the word Skateboard. The European Union is running like skateboarders

Il mondo, pandemizzato, è diviso in due. Riapertura ben ponderata commisurata alle misure di protezione disponibili e cercando di contemperare al meglio attenzione alla salute della gente e esigenze economiche. Dall’altra parte, il gregge. Pascola, percorre i prati, fa quello che abitualmente fa, e chi se ne frega di virus, anziani, piccini, mascherina, distanziamento fisico e simili fesserie (questo il senso…). Che si immunizzi, questo gregge. Ciò fa pensare a una specie di evoluzione della specie progettata. Con quale obiettivo? Che la gente deve mangiare e per mangiare deve lavorare. Una logica global-finanziaria, in verità. Infatti, l’economia, se si riacutizza la pandemia, si sfascia ancora di più. Logica globale, decisione globale. Il locale e il microcosmo non esistono, non hanno alcun valore. Logica di matrice cinese, come il virus. Nei grandi numeri, il microcosmo non ha alcuna incidenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*