Concetta De Pasquale, l’incontro sull’isola

MOSTRE/Concetta De Pasquale, l’incontro sull’isola

Concetta De Pasquale, l’omaggio pittorico ai genitori

Il progetto espositivo “Incontro sull’isola” nasce dall’esigenza dell’artista Concetta De Pasquale di raccontare, attraverso le sue opere pittoriche, un particolare segno, quasi una rivelazione, che ha favorito e determinato il primo incontro conoscitivo tra i suoi genitori avvenuto il 29 giugno del 1953 a Stromboli.

MOSTRE/Concetta De Pasquale, l’incontro sull’isola

Concetta De Pasquale, l’incontro sull’isola

Un incontro solo apparentemente casuale quello tra il padre, un finanziere siciliano e la madre lombarda, una provetta viaggiatrice approdata alla scoperta delle bellezze naturalistiche di quest’isola eoliana.

Il destino li ha legati indissolubilmente a Stromboli, rappresentando uno snodo focale della loro esistenza.

La loro è ancora oggi una bella storia d’amore iniziata con un incontro magico in grado di trascendere le comuni categorie del tempo e capace di reinterpretare il significato del mero luogo fisico.

Stromboli è il suggello, l’elemento unificante che li ha accompagnati in vita e anche oltre.

Concetta De Pasquale, il rapporto simbiotico con Stromboli

Stromboli è una terra sospesa tra cielo e mare, dominata dall’omonimo vulcano, spesso attraversata da lingue di fuoco e lambita dal respiro del vento.

L’isola ha conservato la memoria di questo incontro, suggellandolo e divenendo il luogo dell’Anima di Gilda e Carmelo, i due protagonisti di questa bellissima storia d’amore.

Storia che inizia sull’isola il 29 giugno del 1953 e si conclude il 29 giugno del 2012 e che la pittrice, seguendo i segni che uniscono queste due date, racconta con la sua pittura onirica e visionaria.

29 giugno, una data particolare

Il 29 giugno è anche la data in cui entrambi i genitori sono morti, a distanza di dieci anni, proprio nel luogo che ha suggellato la loro storia d’amore.

MOSTRE/Concetta De Pasquale, l’incontro sull’isola

Nell’interpretazione creativa di Concetta De Pasquale si osserva una narrazione articolata nelle cui tessiture si intrecciano immaginazione, ricordi e testimonianze di una Stromboli degli anni ’50.

Una storia che parla dell’Amore che inizia e si conclude su un’isola eoliana che ancora oggi conserva i respiri, i sogni e i segreti di chi in essa si è conosciuto e si è innamorato, anche oltre la fine del pellegrinaggio terreno.

Concetta De Pasquale, i colori cangianti delle opere

L’artista, da sempre legata a questo territorio, nel decimo anniversario della morte del genitore, ha voluto omaggiare con i suoi dipinti questa storia d’amore rievocandone i segni.

L’approdo della pittrice a Stromboli grazie a questa mostra rappresenta l’occasione per omaggiare con i colori cangianti delle sue opere una terra particolare, testimone ancora oggi della singolare storia d’amore che ancora lega la sua famiglia.

Le opere saranno esposte presso La Sirenetta Park Hotel di Stromboli dal 29 giugno al 29 settembre 2022.

Leggi anche: Silvetro Lega, il caso della Dama bianca

 

SIMONE SACCOMANI 9 Articoli
Presidente dell’Associazione La Stanza dell’Arte (www.stanzadellarte.net). Si occupa di arte con approccio antropologico, sociologico, teologico, giurisprudenziale (specialista diritto contrattualistico). Laurea in economia, in giurisprudenza e baccalaureato in scienze religiose. Responsabile settore comunicazione del Ce.a.s. Centro Alti Studi per la lotta al terrorismo e alla violenza politica, per il quale inoltre coordina le tavole rotonde su tematiche artistiche.